Italian Albanian Armenian Chinese (Simplified) English Filipino French German Japanese Russian Spanish

La leggenda del diavolo e il Ponte di Rialto

Rate this item
(2 votes)

Esiste una legenda locale seppur poco conosciuta che parla della costruzione del ponte di Rialto, in particolare del suo architetto Antonio da Ponte

La storia narra che il diavolo in persona in vista del temine della costruzione del ponte, avesse chiesto al suo architetto un'offerta, ovvero l'anima del primo essere vivente che sarebbe passato il ponte stesso:  se questo desiderio non fosse stato esaudito egli avrebbe bloccato per sempre il proseguimento dei lavori, gettando quindi scredito sull'architetto. 

Era in carica Antonio da Ponte, il quale accettò la sfida ed escogitò un sistema per fare in modo che tale sacrificio fosse assolutamente indolore: il primo essere vivente attraversare il ponte di Rialto sarebbe stato un gallo. 

Scoperto questo stratagemma il diavolo andò su tutte le furie : nessuno si sarebbe dovuto prender gioco di lui. E l'architetto ne avrebbe quindi pagato le conseguenze. 

Presentandosi sotto mentite spoglie a casa della moglie di Antonio da Ponte, che tra l'altro era incinta,  con un inganno le disse che suo marito la stava attendendo dall'altra parte del ponte di Rialto:  quest'ultima presa alla sprovvista e pensando si trattasse di una vera urgenza , si precipitò in cerca del marito. 

La leggenda racconta che l'anima del bambino che nacque poi in seguito morto, per molto tempo continuo a vagare sul ponte e venne poi infine aiutata ad andarsene in pace grazie all'intervento di un gondoliere.

Last modified onDomenica, 20 Settembre 2015 16:55

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.