Italian Albanian Armenian Chinese (Simplified) English Filipino French German Japanese Russian Spanish

Sotoportego dei preti e il cuore di mattone

Rate this item
(1 Vote)

Nel sestiere di Castello vicino alla chiesa di San Giovanni in Bragora, si trova il sotoportego dei Preti.  Dalla parte che fa accedere alla Salizada del Pignater si può notare, alzando la testa,  un piccolo cuore fatto di mattone rosso.

 

Si trova li a ricordare la leggenda del proprietario di quella casa, chiamato Orio, un giovane pescatore che svolgeva il suo lavoro dalle parti di Malamocco.

Uscito una notte a pescare egli si ritrova ad udire una voce chiedere aiuto. Cercando di capire da dove venisse, rivolge gli occhi all'acqua e si accorge che la voce appartiene ad una bellissima ragazza .  Dapprima Orio teme si tratti di una strega, e che quest'ultima volesse approfittare della sua ingenuità, ma rassicurato dalle parole della giovane, scoprì  trattarsi invece di una sirena.

Per niente intimorito da quell'incontro Orio si ritrova perdutamente innamorato della ragazza; nonostante la loro diversità (la ragazza ha una vistosa coda di pesce al posto delle gambe) rimangono tutta la notte a parlare e si scambiano la promessa di doversi rivedere ogni notte nello stesso posto.

E così i giorni passano, e il loro amore cresce sempre di più, fino a che un giorno Orio chiede alla ragazza di sposarla: lei dal primo momento si dimostra titubante pensando alla loro diversità, ma poi cambia idea, ponendo la sola condizione che i due non dovessero incontrarsi nel giorno del  sabato.

Per i primi tempi Orio riesce a mantenere la promessa, ma con il passare dei giorni la sua volontà viene meno e così,   il terzo sabato,   si presenta lo stesso al solito luogo d'incontro. Con sua grande sorpresa invece della bella ragazza vede uscire dall'acqua un enorme serpente di mare: superato lo  spavento iniziale, si accorge che il serpente parla! Con grande sorpresa di Orio, il serpente gli spiega che a causa di un maleficio tutti i sabati perdeva le sembianze della bella ragazza che era tutti giorni per diventare un brutto serpente.  Difatti il serpente era proprio Melusina: se Orio avesse accettato di sposarla in ogni caso, la maledizione sarebbe svanita.

E così fu; dal loro felice matrimonio nacquero 3 figli. Però un giorno Melusina si ammala di una malattia incurabile e improvvisamente e muore. 

Orio rimane così solo con il peso del proprio lavoro e dei suoi figli, pensando di non potercela fare. Però misteriosamente ogni volta che egli rincasa  la sua abitazione è sempre in perfetto ordine come se qualcuno avesse lavorato per sistemare tutto. La cosa lo incuriosisce a tal punto da pensare che si tratti di una vicina molto gentile che volendolo aiutare entrasse di nascosto nell'abitazione senza permesso. Quindi Orio un giorno decide di rincasare più presto del solito per scoprire chi fosse e ringraziare questa persona per il prezioso aiuto.

Ma l'amara sorpresa è stata di trovare in casa un serpente! Orio pensa subito al pericolo che avrebbe rappresentato per i suoi figli, e prende il primo arnese che gli capita sotto mano e lo uccide.

Da quel giorno la casa è sempre in disordine e nessuno la sistema più misteriosamente.  In cuor suo Orio ha capito che il serpente ucciso altro non era che Melusina, ora morta per sempre.

In ricordo di questa storia e del loro amore fu posto questo cuore rosso, che si dice porti fortuna agli innamorati se toccato.

Last modified onMercoledì, 21 Ottobre 2015 06:51
More in this category: « Biasio luganegher

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.