Italian Albanian Armenian Chinese (Simplified) English Filipino French German Japanese Russian Spanish

Il declino della Repubblica di Venezia

Rate this item
(0 votes)

Il continuo crescere ed espandersi delle potenze europee, porta agli inizi del XVII secolo un lento declino per la città di Venezia vista anche la perdita di territori riconquistati dai turchi.

Vengono persi molti diritti commerciali, e il potere economico e militare comincia a indebolirsi. Sono gli anni un cui lentamente la città assume il ruolo di culla del piacere e del gioco d'azzardo. I nobili continuano a vivere in maniera sfarzosa, ma nonostante tutto lo spettro della peste è sempre alle spalle : nel 1630 un'altra epidemia si abbatte sulla città facendo strage di 40.000 morti. ( vedi Festa della Madonna della Salute ) 

Con l'arrivo delle truppe di Napoleone, si va verso l'epilogo della storia della Repubblica Serenissima. Celebre la citazione dell'ultimo doge Ludovico Manin « Stanotte no semo sicuri gnanca nel nostro letto. », che fa capire lo stato d'animo presente in quei giornhi. Il 12 Maggio 1797 viene decretata la fine della Repubblica con una votazione che vede 512 voti favorevoli ( su 537 presenti . in realtà non era stato raggiunto in numero legale di votanti in quanto l'assemblea doveva contare 1200 patrizi ). 

Viene istutuita la Municipalità Provvisoria il 16 Maggio. Altri momenti importanti sono la distruzione del gonfalone della Repubblica e il bruciare il libro d'oro della nobiltà.  Nel mese di luglio invece viene concessa la libertà agli ebrei del ghetto di circolare liberamente. 

La città viene lentamente saccheggiata dalle truppe di occupazione e gran parte delle opere e oggetti di valore vengono trasportati in Francia. L'occupazione francese termina dopo quasi sei mesi nel gennaio del 1798 con la firma del Trattato di Campoformio tra la Francia e l'Austria. Nei decenni successivi la città viene contesa più volte tra le due potenze, fino a essere definitivamente occupata dagli austriaci nel 1814.

Last modified onDomenica, 20 Settembre 2015 16:31

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.