Lunedì, 03 Agosto 2015 00:00

La galea veneziana

Rate this item
(0 votes)

Il suo nome deriva dalla parola greca galeas , cioè pesce spada per via della sua forma snella e del rostro presente a prua .

Questo tipo di imbarcazione viene utilizzato per quasi duemila anni in tutto il Mediterraneo e rappresenta il simbolo della potenza e dominazione veneziana sul mare .

 

Grazie alla sua manovrabilità e velocità viene utilizzato sia per scopi bellici che commerciali.  Le sue misure sono 50 metri di lunghezza e 7 di larghezza, con soli due metri di pescaggio: uniti alla forza di 50 o sessanta rematori ,la rendono un imbarcazione rapida e agile ; il suo punto debole sta nella poca manovrabilità durante le tempeste o nel mare aperto dove le onde sono più impetuose quindi il tipo di navigazione utilizzata è quella del cabotaggio ovvero la navigazione a vista della costa. In questo modo essendo anche la stiva limitata, si rende più facile il reperimento di viveri per la navigazione. 

L'equipaggio è composto da un capitano , un cambusiere , un barbiere-dottore , i soldati e la ciurma dei rematori. Per un totale di quasi 200 uomini. 

Quest'ultima si divide in tre categorie gli schiavi , i forzati ( i carcerati stanno scontando la loro pena ) e i bonavogia , ovvero dei volontari che svolgono questo mestiere per denaro. 

Dal punto di vista offensivo , la galea poteva contare come prima arma sul proprio rostro usato per speronare le navi avversarie , dopodiché si puntava ad un abbordaggio veloce dove entravano in campo i soldati con i loro Archibugi. Solo a partire dal quindicesimo secolo venivano imbarcati alcuni cannoni, però difficili da utilizzare per via delle sollecitazioni derivanti dallo sparo. 

Tutto l'equipaggio viveva sul ponte scoperto tranne il capitano che poteva riposare nella propria cabina. 

Fin dal XII secolo venivano costruite nell'Arsenale della Repubblica dove veniva prodotto in serie tutto quello che era necessario ad un'imbarcazione come il cordame, le vele e gli scafi. 

La Galeazza venne utilizzata per la prima volta durante la battaglia di Lepanto del 1571: più pesantemente armata e con uno scafo più rinforzato, rappresentava una fortezza mobile; unico punto debole era la poca manovrabilità e doveva quindi essere trainata da almeno due galee .

Read 2109 times Last modified on Domenica, 20 Settembre 2015 16:29

Related items