Festa della Madonna della Salute

Il 21 Novembre di ogni anno i veneziani si recano alla Basilica della Salute, in memoria della grazia ricevuta
durante la pestilenza del 1630.

La festa della Madonna della Salute viene istituita dalla Repubblica Veneta nel 1630 e coincide con il giorno delle PResentazione della Beata Vergine Maria.

Durante questo giorno la Basilica rimane aperta senza interruzione per permettere la visita da parte dei fedeli che la affollano con un flusso continuo.
Caratteristico l'attraversamento del "ponte votivo di barche" che permette l'attraversamento del Canal Grande da Santa Maria del Giglio fino alle vicinanze della Salute ( e viceversa ).

La celebrazione e il rito della processione, nascono nel periodo della pestilenza che imperversa in tutto il nord Italia nel 1630: in quel momento dopo tanta disperazione e fa annoverare nella sola città di Venezia più di 80.000 morti, il Senato del doge si voltarono alla Madonna, promettendole in cambio della liberazione dalla peste la costruzione sulle rive del canale grande.


In quel momento dopo tanta disperazione e fa annoverare nella sola città di Venezia più di 80.000 morti, il Senato del doge si voltarono alla Madonna, promettendole in cambio della liberazione dalla peste la costruzione sulle rive del canale grande.

 

L'epidemia cessò nel novembre del 1631 e il governo mantenne la promessa , bandendo un concorso internazionale per il progetto della costruzione della chiesa. Fu vinto da Baldassarre Longhena, e dopo aver edificato la chiesa fu abbellita da pregiate statue all'esterno e all'interno. I piatti della tradizione per questa festività : all’epoca della Serenissima si poteva mangiare la castradina o il riso in cavroman ( il primo è agnello castrato macellato in giovane età, il secondo macellato in età più matura, quindi meno tenero e con un sapore più selvatico ).

Altra particolarità, veniva servita la DOSA CALDA, una specie di sciroppo di frutta dal sapore molto dolce, per aiutare a sopportare l’umidità del mese di Novembre. Da fare in questo giorno La tradizione vuole che si attraversi il ponte votivo fatto di barche che attraversa il canal Grande per entrare poi in nel tempio dedicato alla Madonna della Salute. Si parte da Santa Maria del Giglio e attraverso piccole calli si arriva fino all’ingresso della Chiesa.

ti potrebbe interessare

Novembre 20, 2022

Carlo Goldoni

in Cultura

by Venicepedia

Marzo 30, 2023

La Gondola

in Cultura

by Venicepedia

Aprile 22, 2023

Festa di San Marco

in Cultura

by Venicepedia

Galleria articolo

non è solo Venezia. è la tua
curiosità