La Gondola

Le gondole di Venezia sono uno dei simboli più riconoscibili della città, amate sia dai visitatori che dai veneziani stessi. 

Queste eleganti barche nere sono utilizzate principalmente come mezzi di trasporto sui canali di Venezia, ma sono anche un'icona culturale e turistica della città.
La storia delle gondole di Venezia risale a oltre 1000 anni fa, quando le prime barche vennero utilizzate dai pescatori e dai commercianti per navigare sui canali della città. Inizialmente, le barche erano fatte di legno e non avevano la forma elegante che oggi associamo alle gondole. Furono poi modificate e adattate per essere utilizzate come mezzi di trasporto pubblico.

 

Il design della gondola moderna è stato sviluppato nel XVII secolo, quando la città era in pieno periodo barocco. La gondola divenne un simbolo di status e di ricchezza, e fu modificata per avere un aspetto ancora più elegante e raffinato. Vennero aggiunti elementi decorativi, come il ferro di prua (ferro de' bei), il quale era spesso decorato con motivi floreali o animali.

La gondola è diventata anche un'opera d'arte. I gondolieri che le usavano spesso le decoravano con incisioni o dipinti su legno, e molte gondole diventarono vere e proprie opere d'arte.
Oggi le gondole sono un'attrazione turistica molto popolare, ma continuano ad essere utilizzate come mezzi di trasporto dalla popolazione locale. Esistono ancora circa 400 gondolieri autorizzati a Venezia, molti dei quali discendono da famiglie di gondolieri che hanno lavorato sulle barche per generazioni.

 

Costruzione delle gondole

Le gondole sono costruite a mano, utilizzando tecniche tradizionali che risalgono a secoli fa. La costruzione di una gondola richiede una grande abilità artigianale e una conoscenza approfondita dei materiali e degli strumenti utilizzati.

La prima fase della costruzione consiste nel tagliare la forma di base della gondola, utilizzando tavole di legno che vengono piegate e modellate fino ad ottenere la forma desiderata. La gondola è costituita da 280 pezzi di legno, di cui la maggior parte sono di frassino o di rovere.
Il processo di costruzione continua con l'installazione dei rimorchi, le parti laterali della gondola che aiutano a mantenerla in equilibrio sull'acqua. I rimorchi sono realizzati con legno di abete e vengono tagliati in modo preciso per adattarsi alla forma della gondola.

 

La parte più caratteristica della gondola è il ferro di prua, che è realizzato con una lega di ferro e ottone.
Il ferro di prua (in veneziano ferro de' bei) è uno dei dettagli più distintivi della gondola veneziana. Si tratta di un'asta di ferro che sporge dalla prua della barca, sulla quale è fissato un motivo decorativo in ottone.
Il ferro di prua serve principalmente a due scopi. In primo luogo, aiuta il gondoliere a dirigere la barca attraverso i canali di Venezia. Il ferro di prua agisce come una sorta di timone, permettendo al gondoliere di girare la barca rapidamente e di navigare in modo preciso. In secondo luogo, il ferro di prua ha una funzione puramente estetica. Il motivo decorativo in ottone, che spesso rappresenta un animale o un fiore stilizzato, è un elemento importante della bellezza e dell'eleganza della gondola.

 

Il ferro di prua è stato utilizzato sulle gondole veneziane fin dai tempi antichi. Tuttavia, nel corso dei secoli, la forma e il design del ferro di prua sono cambiati notevolmente. Nel XVIII secolo, il ferro di prua aveva una forma più arrotondata e il motivo decorativo era spesso rappresentato da figure mitologiche o da emblemi di famiglia. Nel XIX secolo, il ferro di prua divenne più slanciato e leggero, con un motivo decorativo più semplice e geometrico.
Oggi, il ferro di prua è ancora realizzato a mano, utilizzando tecniche tradizionali che risalgono a secoli fa. Il ferro viene forgiato in una forma approssimativa e poi finemente modellato e decorato con dettagli in ottone. Il ferro di prua è spesso personalizzato in base alle preferenze del gondoliere o del proprietario della barca, che può scegliere il motivo decorativo che desidera.


Inoltre ci sono diverse leggende e storie interessanti sulla gondola veneziana.

 

Una delle leggende più famose riguarda il colore nero della gondola. Secondo la leggenda, il doge di Venezia, nel XVI secolo, ordinò che tutte le gondole venissero dipinte di nero per risparmiare sui costi del lusso e per evitare che i nobili potessero ostentare la propria ricchezza. Tuttavia, questa leggenda è stata smentita dalla storia. In realtà, la gondola era già nera fin dal XII secolo, quando veniva utilizzata come mezzo di trasporto pubblico, e il colore scuro serviva principalmente a nascondere le imperfezioni della barca e ad evitare che le barche apparissero sporche a causa dell'acqua salata e della fanghiglia dei canali.

 

Un'altra leggenda riguarda il "squeri", ovvero i cantieri navali dove vengono costruite le gondole. Si dice che la costruzione delle gondole avvenisse in modo segreto e che solo i maestri artigiani conoscessero i segreti della loro costruzione. In realtà, la costruzione delle gondole era un processo aperto e trasparente, e i cantieri navali erano luoghi aperti al pubblico dove tutti potevano assistere alla lavorazione delle barche.
Infine, c'è una leggenda romantica che dice che baciarsi su una gondola sotto il Ponte dei Sospiri porterà fortuna e felicità nella vita degli amanti. Anche se non c'è alcuna prova che confermi questa credenza, molti turisti ancora oggi si godono una romantica gita in gondola sotto il celebre ponte, sperando di attirare la fortuna e l'amore.

ti potrebbe interessare

Aprile 25, 2023

Regata storica

in Cultura

by Venicepedia

Novembre 20, 2022

Carnevale di Venezia

in Cultura

by Venicepedia

Novembre 09, 2021

Festa della Madonna della Salute

in Cultura

by Venicepedia

non è solo Venezia. è la tua
curiosità